john grinder

John Grinder: la biografia

 

John Thomas Grinder (nato 1940), insieme a Richard Bandler, è il fondatore della PNL.

Primi Anni

John Thomas Grinder Jr si è laureato in Psicologia all’Università di San Francisco nei primi anni ’60. Poco dopo si arruolò nei berretti verdi, e prese servizio in Europa durante la Guerra Fredda. Da lì passò poi a lavorare per la CIA e i servizi segreti americani. L’esperienza europea lo portò a dover assumere varie identità in diversi Paesi. Per farlo era necessario non solo una grande familiarità con la lingua, i modi di dire, la pronuncia ma anche sul modo di pensare e di comportarsi. Questa attività lo aiutò a esercitare abilità e modi di pensare che poi sarebbero tornati utili nello sviluppo della PNL
Alla fine degli anni ’60 torna in America a studiare linguistica, conseguendo un master presso l’Università della California nel 1971.

Dopo il master Grinder diventa professore associato all’Università della California, a Santa Cruz, presso la facoltà di linguistica. La sua ricerca accademica si concentrava sulle teoria di Noam Chomsky sulla grammatica trasformazionale, che in quel periodo stavano diventando la nuova teoria dominante nel campo. L’interesse per il lavoro di Chomsky divenne poi molto importante nella creazione della PNL.

Nascita della PNL

Nel 1972 Grinder viene contattato da uno studente di psicologia, Richard Bandler, che gli chiede aiuto per modellare la terapia Gestalt. Bandler e Grinder cominciarono quindi a modellare vari pattern di comportamento cognitivo dei migliori terapisti: prima Fritz Perls, poo Virginia Satir e Milton Erickson. I risultati furono pubblicati in La Struttura Della Magia (1975) e Pattern di Teniche Ipnotiche di Milton H. Erickson (1975). Questi libri diventarono poi la base su cui è stata costruita la Programmazione Neuro Linguistica

Bandler e Grinder cominciarono a tenere seminari a gruppi di pratica, che servivano a esercitare e testare i pattern scoperti oltre che a trasmetterli agli altri partecipanti. Da quelle sessioni nacquero vari libri, tra cui Frogs To Princes (1979). In questo periodo attorno ai due si formò un gruppo di studenti e pricoterapeuti che diede importanti contributi alla PNL: Robert Dilts, Leslie Cameron-Bandler, Judith Delozier, Stephen Gilligan, David Gordon.

Nel 1980 il gruppo si sciolse, non senza dei forti contrasti e molti membri continuarono a sviluppare la PNL in direzioni diverse. Nacque una forte disputa tra Bandler e Grinder, con il primo che provò a proclamarsi come unico vero fondatore della PNL, e proprietario del marchio. Il tribunale poi stabilì che era diventato un termine generico, ed emersero documenti che provavano senza ombra di dubbio che sia Bandler che Grinder potevano essere considerati co-fondatori della disciplina.

Il Nuovo Codice

Tra il 1982 e il 1987 Grinder e Judith Delozier collaborarono per sviluppare la PNL Nuovo Codice, infleunzati dall’antropologo Gregory Bateson e dalla sua forte attenzione all’ecologia e al costrutto psicologico. Il Nuovo Codice dava una nuova struttura al vecchio correggendo quelli che per Grinder erano “errori di codifica” e fornendo una cornice che dava più attenzione all’ecologia e alla mente inconscia. L’ecologia intesa come rispetto dell’integrità del sistema durante il cambiamento, dove il sistema era il modo con cui la persona vededva il mondo e le conseguenze di quella visione sui suoi pensieri ed azioni. I risultati di questo lavoro confluirono nel libro Turtles All The Way Down.

Grinder ha poi continuato la sua opera insieme a Carmen Bostic St Clair all’interno della Quantum Leap Inc.
Oggi Grinder continua la sua opera di sviluppo della PNL, impegnato ad affinare la disciplina e a stabilire un nucleo di conoscenze e teorie unitario che possa essere riconosciuto chiaramente come PNL. Il rischio, secondo Grinder, è che altre discipline traggano da essa singoli elementi finchè la PNL cesserà di essere una disciplina unitaria: soprattutto perchè, sostiene, troppi si limitano ad usare pattern e modelli già testati senza ricercare nuove strade e nuove soluzioni.

Grinder ha dedicato la vita alla ricerca di pattern di eccellenza, presi da geni in differenti campi. Lo scopo della PNL era appunto riconoscere questi pattern, questi modelli di comportamento, e replicarli per diffondare a tutti queste eccellenze. Il modellamento è l’utilizzo più alto della PNL e viene insegnato da Grinder ai più esperti praticanti in tutto il mondo, durante i suoi continui viaggi con la moglie Carmen Bostic St Clair

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *